Il CEO di MicroStrategy spiega perché Bitcoin è un investimento migliore dell’oro

In una recente intervista, Michael J. Saylor, CEO della società di business intelligence MicroStrategy Inc. quotata al Nasdaq, ha spiegato perché la sua azienda ha deciso di investire circa 425 milioni di dollari in Bitcoin invece che in oro.

L’11 agosto, MicroStrategy Inc. ha annunciato con un comunicato stampa di aver „acquistato 21.454 bitcoin a un prezzo di acquisto aggregato di 250 milioni di dollari“ da utilizzare come „attività di riserva primaria di tesoreria“.

„Questo investimento riflette la nostra convinzione che Bitcoin Loophole in quanto la crittovaluta più largamente adottata al mondo, sia un’affidabile riserva di valore e un attraente asset d’investimento con un potenziale di apprezzamento a lungo termine più elevato rispetto al denaro contante.

„Fin dalla sua nascita, oltre un decennio fa, il Bitcoin è emerso come un’aggiunta significativa al sistema finanziario globale, con caratteristiche utili sia per i privati che per le istituzioni.

„MicroStrategy ha riconosciuto il Bitcoin come un asset d’investimento legittimo che può essere superiore alla liquidità e di conseguenza ha fatto del Bitcoin la principale partecipazione nella sua strategia di riserva di tesoreria“.

Poi, nel settembre 2015, Saylor ha rivelato che la sua società ha effettuato un secondo grande acquisto di Bitcoin

La settimana scorsa Saylor ha rilasciato un’intervista a Stansberry Research, „un editore di informazioni finanziarie e software in abbonamento“.

In questa intervista, Saylor ha spiegato perché MicroStrategy ha scelto di investire in Bitcoin invece che in oro.

„Ho considerato l’oro, e poi ho iniziato a studiare i due, e poi mi sono reso conto che i minatori d’oro produrranno circa il 2% di oro in più ogni anno… Diciamo solo che nel migliore dei casi, per 100 anni produciamo il 2% di oro in più, il che significa che 100 milioni di dollari saranno ridotti a 12,5 milioni di dollari in 100 anni. D’altra parte, la Bitcoin sta esponenzialmente andando a scorrere all’infinito. Non ci saranno mai più di 21 milioni di Bitcoin.

„Quindi stai davvero parlando, al massimo, di diluire 100 milioni di dollari di Bitcoin di 10 milioni di dollari nel corso dei cento anni. Dato che il Bitcoin è un bene infinitamente duro, mentre l’oro può essere prodotto dagli esseri umani con sufficienti incentivi, mi sono reso conto che a lungo termine il Bitcoin è il bene più duro dell’oro“.

Ha sottolineato che il Bitcoin è diverso dalle altre materie prime in quanto quando il suo prezzo sale, non è possibile per i minatori rispondere aumentando l’offerta:

„Se raddoppiate il prezzo dell’oro, raddoppierete l’incentivo dei minatori a produrre oro, e se l’oro sale di un fattore 10, gli esseri umani hanno un modo di mettere il capitale nell’estrazione e nell’ingegno e inventeranno modi migliori per estrarlo, e a un certo punto fonderanno i loro gioielli, o troveranno altro oro. D’altra parte, se il Bitcoin sale di un fattore 10, nessun investimento nell’estrazione del Bitcoin può produrre più Bitcoin“.

Ecco Saylor che parla di come l’oro digitale sia migliore dell’oro fisico

„Il Bitcoin è oro digitale e questo significa che è più veloce. Posso spostarlo in mille posti in un paio di secondi. È più forte. Posso impegnare cento milioni di dollari per tre ore in Giappone il sabato pomeriggio.

„È più intelligente. Posso scrivere un programma per computer che taglierà a fette un milione di pezzi e ci farà cose complicate.

„Migliorerà ogni anno per sempre solo perché è un software e questo significa che le persone che sono attratte da Apple e Amazon e da Google e Facebook, perché sono reti più intelligenti, più veloci e più forti, saranno attratte da Bitcoin“.

Immagine in primo piano di „SnapLaunch“ via Pixabay.com

I punti di vista e le opinioni espresse dall’autore hanno solo scopo informativo e non costituiscono consulenza finanziaria, di investimento o di altro tipo.